Mission

L’Istituto per la Competitività (I-Com) è un’associazione senza finalità di lucro, fondata nel 2005 da un gruppo di giovani studiosi, professionisti e manager, per promuovere temi e analisi sulla competitività in chiave innovativa, all’interno del quadro politico-economico europeo ed internazionale. I-Com intende influenzare il dibattito pubblico sul futuro del sistema Italia, sulla base di una competenza multidisciplinare, rafforzata da un comitato scientifico di alto profilo, e grazie a una varietà di strumenti di analisi e divulgazione. In particolare, l’analisi promossa si caratterizza sotto due profili:

1) analizzare secondo un elenco certamente non esaustivo ma sufficientemente ampio il contributo marginale di rilevanti fattori di competitività alla crescita (o non-crescita) italiana

2) esaminare i singoli fattori di competitività (energia, comunicazioni, finanza, istituzioni e innovazione) in una prospettiva integrata

A questo riguardo, I-Com si propone di combinare rigore analitico e autonomia assoluta dagli schieramenti politici con la possibilità di assumere una posizione specifica su singoli temi e di utilizzare strumenti di divulgazione accessibili non solo agli addetti ai lavori ma più generalmente a un pubblico informato.

Per perseguire gli scopi associativi, I-Com potrà svolgere, su sua iniziativa o su richiesta dei soci, le seguenti attività:

  • organizzare e promuovere convegni, seminari, corsi di formazione, dibattiti ed incontri aperti al pubblico o riservati ai soci sulla competitività del sistema italiano in campo europeo e/o internazionale
  • contribuire al dibattito pubblico con idee e proposte di policy, attraverso position papers, proposte di legge e commenti a fatti e provvedimenti nazionali e internazionali
  • pubblicare collane di libri e quaderni e una collana di working papers sui temi della competitività aperta a contributi esterni e vagliata da un comitato editoriale ad hoc
  • elaborare e pubblicare newsletter, materiale multimediale e altre pubblicazioni a circolazione interna ed anche esterna, con l’obiettivo di accrescere la conoscenza culturale e scientifica dei propri soci
  • sostenere la ricerca e gli studi sulla competitività del sistema italiano, europeo e straniero, anche attraverso il collegamento e la collaborazione con Enti universitari e altri Istituti di ricerca
  • organizzare iniziative per la formazione e la specializzazione di tutti coloro che operano nei campi economico, politico e sociale
  • organizzare ed eventualmente produrre iniziative formative che sfocino in manifestazioni aperte al pubblico in collaborazione con Enti pubblici o privati, Scuole, Università, Accademie o altre realtà che si occupino di cultura ed istruzione, per lo studio e l’approfondimento della competitività del sistema italiano.

I-Com, ha aderito il 18-07-2017 al Global Trade and Innovation Policy Alliance, una rete internazionale di think tank che si dedica alla promozione della liberalizzazione del mercato, frenando il cosiddetto “mercantilismo dell’innovazione” e incoraggiando i governi a ricoprire ruoli proattivi nel sostegno all’innovazione e alla produttività. L’obiettivo dell’Associazione è rifuggire da un lato il liberismo estremo, che nega un ruolo attivo ai governi, e dall’altro il populismo anti-globalista. Con l’ingresso di I-Com, l’Alleanza conta oggi 19 membri: Bay Area Council Economic Institute (USA), C.D. Howe Institute (Canada), Center for Global Enterprise (USA), Center for Social and Economic Research (Polonia), Competere (Italia), Free Market Foundation (Sud Africa), Fundación Idea (Messico), Geneva Network (UK), ICRIER (India), Information Technology and Innovation Foundation (USA), The Legatum Institute (UK), The Lisbon Council (Belgio), Macdonald-Laurier Institute (Canada), Shanghai Institute of Science and Technology Policy (Cina), Swedish Agency for Growth Policy Analysis (Svezia), Taiwan Institute for Economic Research (Taiwan), Taiwan Research Institute (Taiwan), TicTac de la CCIT (Colombia).

 

Stampa - PDF - E-mail