L’azione risarcitoria collettiva in Italia: c’è bisogno di chiarezza

Commento
Andrea ZOPPINI

Partendo dal presupposto che un’azione collettiva è più efficiente se si giunge ad una soluzione transattiva, è necessario disciplinare in maniera più chiara la transazione e incentivarne il buon esito. A tale scopo si rende necessario specificare quali siano i soggetti parte di tale contratto, dato che con il meccanismo di opt-in la classe è potenzialmente aperta. Per quanto riguarda, nello specifico, i problemi legati all’inefficienza degli enti pubblici è bene tenere a mente che la class action può costituire uno strumento di maggiore efficienza e di contatto con il mercato, ma non è la chiave di volta per la soluzione dell’inefficienza degli enti pubblici.