Connected Tv: chiusa la consultazione EU sul libro verde

La consultazione lanciata dalla Commissione Europea (DG Connect) sul libro verde “Prepararsi a un mondo audiovisivo della piena convergenza: crescita, creazione e valori” nell’aprile scorso, si è chiusa ieri, dopo un mese di estensione (in un primo momento la deadline era stata fissata per fine agosto). Il libro verde intendeva esprimere e  sottoporre alla consultazione di tutti gli stakeholders, la visione della Commissione Ue sul tema della convergenza nel settore audiovisivo e dei media interconnessi, concentrandosi su due aspetti fondamentali: quello del mercato, dalla questione dei modelli di business a quella delle infrastrutture, passando dal tema dell’interoperabilità, e quello dei contenuti, con al centro la difesa del pluralismo, della libertà di informazione e della diversità culturale, , nonché la tutela dei minori e delle categorie deboli.

I temi sollevati dalla Commissione appaiono quanto mai centrali, così come appare appropriati il momento per discuterne e lo strumento della consultazione. E’ vero però anche  che su una materia magmatica ed in continuo divenire, se si vuole che l’Unione tuteli il proprio mercato ed i valori fondamentali che lo ispirano, occorre che l’azione sia rapida. Il mercato non aspetta e si muove, sforna nuovi device in continuazione e nuove app da utilizzare. La Connected Tv avanza (66 di apparecchi venduti solo nel 2012), il mercato dei tablet è in piena esplosione e si appresta a superare quello dei pc, così come quello degli smartphone. Il tutto mentre player Over the Top – rigorosamente non-europei, sono sempre più dinamici e, come nel caso di Netflix, oramai pronti a non essere solo degli intermediari, ma a giocare un ruolo sempre più importante nella produzione di contenuti. L’Europa si presenta all’appuntamento con la convergenza con reti ultra-veloci ancora da fare (e pochi investimenti a disposizione), un mercato delle telecomunicazioni e dei contenuti frammentato (problema non da poco, quando si tratta di contenuti e quindi di lingue e culture diverse…), con un set di regole efficace per proteggere i player del mercato, ma forse non altrettanto per farli crescere in un sistema globalizzato, e non pochi problemi di “media literacy”, che fanno sì che spesso i consumatori acquistino i nuovi apparecchi senza essere capaci di sfruttarne appieno le potenzialità.

Le questioni sottoposte alla consultazione sono complesse, e tutte importanti se si vuole che l’Europa abbia una voce in capitolo importante, senza dovere cedere nulla nella protezione di valori fondamentali come pluralismo e libertà nei media. L’auspicio è che dalla consultazione emergano indirizzi precisi, traducibili in azioni efficaci e concrete. Ma soprattutto che tutto ciò avvenga in tempi adeguati alla velocità del mercato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.