La casa di vetro

Articolo blog
Gianluca SGUEO

Il progresso tecnologico, il cambio di passo nella cultura delle istituzioni a favore della partecipazione, e in parte la diffusione della filosofia open data, secondo cui i dati in possesso delle istituzioni devono essere messi a disposizione della vasta platea di potenziali interessati, hanno reso la trasparenza paradigma di riferimento per l’azione di qualsiasi istituzione pubblica. L’immagine che descrive meglio questa concezione è quella dell’istituzione “casa di vetro”, in cui tutte le attività pubbliche sono rese note ai cittadini.

Quali però debbano essere i confini della trasparenza e quali, invece, quelli della riservatezza, è oggetto di discussione. Il caso del lobbying è, da questo punto di vista, particolarmente interessante. Il metro di riferimento del livello di trasparenza del lobbying è il registro dei portatori di interesse. Esistono, al riguardo, almeno tre diverse soluzioni.

La prima è quella in cui il registro, o qualsiasi altra forma di censimento, sono assenti. È, tra gli altri, il caso italiano. Se si esclude il Ministero dell’agricoltura, che ha creato un suo registro (a iscrizione facoltativa) per i portatori di interesse che intendono presentare osservazioni prima dell’approvazione di decreti o regolamenti, non esiste a livello nazionale alcuna forma di regolazione. L’interazione tra istituzioni e gruppi di pressione si svolge in assenza di qualsiasi monitoraggio o rilevazione. Non se ne conoscono i tempi, le forme e i mezzi. Le uniche, sporadiche, informazioni disponibili provengono dall’attività di ricerca di enti privati o, più raramente, università.

La seconda ipotesi è quella in cui un registro (o uno strumento equivalente) esiste, ma l’iscrizione è facoltativa. Perché lasciare ai rappresentati di interessi la libertà di registrarsi e rendere la propria attività soggetta al monitoraggio del decisore pubblico? L’idea di fondo è quella di garantire, attraverso l’adesione al registro, alcuni privilegi a chi si iscrive. Ad esempio la possibilità di accedere in anteprima rispetto ai competitors alla documentazione che accompagna una proposta di legge. I diritti ci chi non aderisce al registro non vengono esclusi, ma se ne consente l’esercizio in subordine ai soggetti iscritti.

Ultima è l’ipotesi della total disclosure. È la strategia adottata dal governo degli Stati Uniti. La legge federale statunitense impone condizioni stringenti a tutti coloro che esercitano attività di pressione presso il Congresso e le agenzie federali. Oltre al resoconto dettagliato dell’attività svolta, i singoli lobbisti e le aziende devono indicare l’agenda degli incontri e il budget destinato ogni anno all’attività di lobbying.

Quanto detto vale per le alternative tra cui può scegliere il decisore pubblico. In realtà è interessante notare che da qualche anno sono nate iniziative private con la funzione di sopperire al ruolo dei decisori pubblici e garantire la trasparenza dell’attività lobbistica. Tra i casi più celebri ci sono Maplight, che mostra le correlazioni tra i soldi ricevuti dai parlamentari e i voti espressi nella legislatura; Lobbyplag, creato da hackers tedeschi per denunciare gli europarlamentari che hanno difeso gli interessi delle imprese ICT nel dibattito sulla normativa Data Protection; Ebay MainStreet, attraverso il quale il colosso americano illustra le campagne di advocacy condotte in Europa e USA; infine, I paid a Bribe, sito indiano sul quale i cittadini possono segnalare episodi di corruzione di pubblici ufficiali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.