Storia di un flop (annunciato?): We The People e la democrazia digitale fantasma

Articolo blog
Gianluca SGUEO

Sulla carta “We the People” è il più ambizioso progetto di democrazia partecipativa digitale in circolazione. In realtà si tratta di una iniziativa affossata dalla sua stessa ambizione. We the People è partito alla grande, registrando centinaia di proposte di petizione, tant’è che ha dovuto alzare la soglia di sbarramento (superata la quale, è bene ricordarlo, l’amministrazione si dichiara obbligata a rispondere). Ma poi, col passare del tempo, l’entusiasmo è venuto meno. In parte la maggiore difficoltà a raggiungere il limite minimo di firme, e in parte i tanti silenzi dell’amministrazione (evidentemente poco propensa a rispondere a petizioni palesemente campate per aria) hanno scoraggiato i potenziali partecipanti. Oggi gli analisti più smaliziati non esitano a definire We the People una “ghost town”, città fantasma. Da aprile a oggi ci hanno provato solamente in 85. Di queste, nessuna si è nemmeno vagamente avvicinata alla soglia delle 100mila firme. Anzi, la metà ne ha ottenute meno di 500. Nel merito, poi, Techpresident ha calcolato che il 40% delle petizioni presentate era chiaramente fuori dal mandato presidenziale. Per cui, anche qualora fosse stato raggiunto il quorum, non avrebbe prodotto altro che, nella migliore delle ipotesi, un secco diniego, e nella peggiore un silenzio imbarazzante.

Il confronto con i competitors è impietoso. Nel solo mese di aprile MoveOn e Change.org, due siti di petizioni online “privati”, hanno totalizzato rispettivamente 2053 e 7093 petizioni. Segno che non è lo strumento a essere vecchio o inutile, ma il modo in cui viene percepito dagli utenti. Un ulteriore dato a dimostrazione di quanto appena detto: da quando è stato creato We the People ha avuto 5,4 milioni di persone che hanno creato un account e 9,2 milioni di firme. Significa poco meno di 2 firme a utente. Il che, letto da un punto di vista più generale, significa che in media l’utente del sito si interessa sporadicamente a quello che accade sul sito. Gli esperti di marketing direbbero che non viene “fidelizzato”.

We the People non è tanto meglio dei siti italiani di petizioni online. Soffrono lo stesso problema, anzi, gli stessi due problemi. Il primo: per essere accattivanti devono promettere qualcosa. Cioè un vincolo di qualche tipo sull’amministrazione che consulta. Ma questa è una promessa che le amministrazioni finora non hanno saputo mantenere. Oppure hanno mantenuto solo in parte, perdendo credibilità. Il secondo problema è nella comunicazione. A differenza delle iniziative private che investono molto in comunicazione durante tutta la campagna, e anche dopo, i siti pubblici come We the People vivono di picchi. Generalmente sono comunicati al momento del lancio, e poi di nuovo verso la fine. Dopo se ne dimenticano tutti. E non c’è nulla di meglio (o peggio, a seconda di come la vediate) per allontanare il cittadino digitale. Con tutti i problemi che ci danno i servizi pubblici veri e propri, figuriamoci se abbiamo tempo da perdere dietro quelli digitali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.