Infrastrutture e competitività dei territori

immagineUna insufficiente dotazione e qualità di infrastrutture e servizi infrastrutturali è sovente richiamata come uno dei principali e storici deficit e come elemento aggiuntivo di difficoltà per lo sviluppo delle attività economiche.

Nell’ambito del Rapporto ORTI sull’economia delle regioni italiane ed i rapporti tra le amministrazioni territoriali e le imprese, presentato a Roma la scorsa settimana, per definire il grado di competitività delle regioni italiane, I-Com ha elaborato un indice sintetico che prende in considerazione alcune variabili relative alla dotazione infrastrutturale, con riferimento ai tre settori che nel rapporto vengono esaminati nel dettaglio: digitale, energia e trasporti.

Sorprende la presenza di alcune regioni del Mezzogiorno tra le prime 10: si tratta di Campania, Puglia e Sicilia. In questo dato si leggono certamente gli effetti positivi delle politiche volte a favorire lo sviluppo delle reti di ultima generazione (banda ultra-larga) nelle regioni dell’Obiettivo Convergenza: non è un caso che la Campania figuri seconda (alla Calabria, peraltro) per copertura della banda ultra-larga a 30 Mbps e quarta per copertura a 100 Mbps.

In particolare, proprio la Campania – 2° in graduatoria, con un indice pari a circa 98 – deve il suo posizionamento anche ad una buona capillarità della rete elettrica: la migliore in quanto a distribuzione e quinta in quanto a rete di trasmissione (prima tra le regioni del Mezzogiorno).  Resta, come da tradizione, più problematica per il Meridione la situazione delle infrastrutture di trasporto: in quanto a rete autostradale e ferroviaria, sono sempre regioni del Centro-Nord a primeggiare, sebbene la Campania (insieme alla Sicilia) si faccia pian piano strada tra queste. Migliore la situazione sul fronte aeroportuale, con Campania e Sicilia rispettivamente terza e quarta (dopo Lombardia e Veneto) in termini di densità di rete – intesa, in questo caso, come numero di voli per kmq di superficie territoriale.

L’indice infrastrutturale, sebbene restituisca un’informazione molto stilizzata, mostra, in maniera molto chiara, una evidenza già ben nota: la (troppa) disuguaglianza interregionale che ci fa trovare, all’estremo opposto, regioni quali Sardegna, Trentino Alto Adige e Valle d’Aosta che presentano un indice infrastrutturale inferiore, rispetto alla Lombardia, di addirittura il 70-80%.

grafico

Research Fellow dell'Istituto per la Competitività (I-Com). Laureata all’Università Commerciale L. Bocconi in Economia, con una tesi sperimentale sull’innovazione e le determinanti della sopravvivenza delle imprese nel settore delle telecomunicazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.