Come (e quanto) investe la Commissione Europea per il Wi-Fi gratuito. Ecco WiFi4Eu

Articolo blog
Maria Francesca AMODEO

wifi4eu120 milioni di euro da suddividere in cinque lotti da qui al 2020. E’ questo il budget stanziato dalla Commissione Europea per il progetto WiFi4Eu: l’iniziativa prevede di dotare ottomila comuni degli Stati membri dell’Unione Europea (a cui si aggiungono per questo progetto anche Norvegia e Islanda) di un Wi-Fi gratuito per i cittadini da installare in piazze, biblioteche, musei o altri centri di aggregazione.

Gli enti interessati potranno ottenere un finanziamento di 15.000 euro ciascuno che andrà a coprire le spese di acquisto e installazione delle apparecchiature WiFi, mentre i costi di manutenzione della rete saranno a carico di ogni singolo comune.

Il bando per prendere parte alla selezione è stato pubblicato lo scorso 20 marzo e per partecipare occorre registrarsi sul portale www.WiFi4EU.eu. La selezione vera e propria partirà però a metà maggio, quando saranno presentate le prime domande. I finanziamenti saranno distribuiti in base all’ordine cronologico di consegna della richiesta e la prima assegnazione toccherà mille comuni suddivisi equamente tra i paesi partecipanti in modo che ogni Paese coinvolto riceva almeno 15 buoni.

WiFI4Eu è solo una parte di un programma più ampio che prevede di favorire e implementare – da qui ai prossimi anni – l’utilizzo delle apparecchiature digitali in Europa. Fautrice del progetto è la commissaria al Digitale, Mariya Gabriel che vede in WiFi4EU la possibilità per migliaia di cittadini europei di progredire verso la digitalizzazione: “Le comunità locali avranno la possibilità di avvicinare la connettività ai cittadini, permettendo loro di beneficiare pienamente delle infinite opportunità della digitalizzazione. È un passo concreto verso la realizzazione del mercato unico digitale” ha detto, ed ha aggiunto che nei prossimi 4 anni saranno diffuse le sovvenzioni per altri settemila comuni.

La Commissione Europea ha precisato che le reti finanziate mediante WiFi4EU saranno gratuite, senza pubblicità e senza raccolta di dati personali e che potranno essere sovvenzionate esclusivamente linee che non duplicano offerte gratuite (pubbliche o private) già esistenti nello stesso spazio pubblico e di uguale portata.

Un progetto che il nostro Paese aveva in qualche modo anticipato con l’applicazione WiFi°Italia°It lanciata lo scorso luglio.

Classe 1991, calabrese. Ha conseguito un Master in giornalismo politico, economico e di informazione multimediale alla Business School del Sole24Ore. Impegnata in politica, ha ricoperto il ruolo di coordinatrice nazionale dei giovani CD. Collabora con diverse testate giornalistiche online occupandosi di politica e anche di musica. Da dicembre 2017 nell’Ufficio stampa di I-Com.