Il mondo del calcio alla sfida della blockchain. Il progetto della Juventus

Articolo
Domenico Salerno

Che la blockchain fosse una tecnologia rivoluzionaria in grado di trasformare interi settori industriali era già noto da tempo, ma nessuno poteva aspettarsi che potesse entrare anche nel mondo del calcio. Uno dei primi club a sperimentare questa tecnologia sarà la Juventus: la squadra che ha vinto gli ultimi sette campionati di Serie A sta tentando da anni la rincorsa (non sono sportiva ma anche economica) alle superpotenze del calcio europeo e potrebbe ricevere un importante aiuto proprio dalla catena a blocchi.

La società bianconera ha annunciato qualche giorno fa sul suo sito web il lancio dello “Juventus Official Fan Token” con l’obiettivo di interagire in modo innovativo con i propri tifosi in giro per il mondo. Il progetto è frutto di una partnership con la piattaforma blockchain dedicata al fan engagement socios.com. Nel mondo delle criptovalute i token vengono distribuiti tramite una ICO (acronimo di “Initial coin offering“) al fine di conferire ai nuovi proprietari una serie di diritti che dipendono dalla natura del progetto. Il possesso dei token, nel caso della Juventus, potrebbe dare ai tifosi la possibilità di accedere a iniziative e offerte dedicate o di partecipare a sondaggi esclusivi. La fan token offering della Juventus dovrebbe essere lanciata nella prima parte del 2019 sulla piattaforma socios.com. I tifosi interessati a partecipare al progetto dovranno necessariamente munirsi di chiliZ (CHZ), la criptovaluta ufficiale del portale. A tal proposito, il Co-Chief Revenue Officer, Head of Global Partnerships and Corporate Revenues della Juventus, Giorgio Ricci, ha affermato: “La Juventus è lieta di dare il benvenuto a Socios.com tra i nostri partners. Come Club, siamo sempre molto attenti e pro-attivi verso nuove tecnologie e innovazione. Insieme a Socios.com abbiamo intenzione di offrire nuove opportunità alla nostra fan base nel mondo di interagire in modo innovativo con la loro squadra preferita”.

Il club bianconero non è però la prima grande squadra di calcio europea a decidere di utilizzare la blockchain. Poche settimane fa, i campioni di Francia del Paris Saint-Germain Football Club, hanno annunciato di aver sottoscritto un accordo simile con socios.com. Questa iniziativa, oltre a portare importanti benefici ai diretti interessati, potrebbe essere un importante operazione di marketing per la blockchain stessa. Legare questa tecnologia allo sport più seguito al mondo potrebbe farne scoprire le potenzialità anche ai non addetti ai lavori che spesso ne hanno esclusivamente sentito parlare ma che non hanno idea di come funzioni nella pratica. Questo insomma potrebbe essere l’ennesimo passo verso la rivoluzione tecnologica della blockchain.

Research Fellow dell'Istituto per la Competitività (I-Com). Nato ad Avellino nel 1990. Ha conseguito una laurea triennale in “Economia e gestione delle aziende e dei servizi sanitari” presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore e successivamente una laurea magistrale in “International Management” presso la LUISS Guido Carli. Al termine del percorso accademico ha frequentato un master in “Export Management & International Business” presso la business school del Sole 24 Ore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.