Blockchain e sanità, insieme funziona. Tutti i progetti in corso

Articolo
Domenico Salerno
blockchain

E’ davvero possibile che la blockchain possa contribuire al contenimento della spesa sanitaria in Italia? L’introduzione delle nuove tecnologie digitali in sanità è uno dei principali obbiettivi delle istituzioni italiane e dell’Unione europea. Nel 2018 nel nostro Paese la spesa in assistenza sanitaria equivaleva all’8,9% del prodotto interno lordo e si stima sia destinata ad aumentare vertiginosamente nei prossimi anni soprattutto a causa dell’aumento della durata della vita e dei conseguenti costi a carico del Servizio sanitario nazionale. L’età media della popolazione italiana attualmente si attesta a 45,4 anni e il 22% dei cittadini ne ha più di 65. Da questi dati appare evidente come il costo dell’assistenza sanitaria tradizionale sia destinato a diventare insostenibile. Riuscire ad adottare misure che riescano a contenere la spesa senza pregiudicare il livello di assistenza è diventato assolutamente nesecessario.

La digitalizzazione e la virtualizzazione delle cure potrebbero essere l’unica soluzione possibile al problema. Bisogna incentivare il passaggio, per quanto possibile, dall’attuale e costosissimo sistema “ospedalecentrico” a un modello di assistenza distribuito e incentrato sul paziente con l’assistenza che si smaterializza e diventa digitale. Un ruolo di primo piano in questa transizione potrebbe essere giocato dalla tecnologia blockchain. Secondo il rapporto dal titolo “Global blockchain benchmarking study” redatto dall’Università di Cambridge e da Ernst & Young, l’assistenza sanitaria è uno dei settori con più use cases per la catena a blocchi, ben l’8%.

Uno dei progetti più interessanti attualmente in fase di sviluppo è il My Health My Data (MHMD), un sistema che mira a utilizzare la tecnologia blockchain per consentire la memorizzazione e la trasmissione di dati medici in modo sicuro ed efficace. MHMD è incentrato sulla connessione tra istituzioni e individui e incoraggia gli ospedali a rendere disponibili i dati dei propri pazienti (con il loro consenso) a fini scientifici. Il progetto, che vale 3,5 milioni di euro, è stato finanziato dall’Unione europea nell’ambito di Horizon 2020, il programma comunitario che sponsorizza la ricerca e l’innovazione nell’Unione.

Estremamente interessante è anche il lavoro che sta portando avanti la società Innoplexus che attraverso soluzioni avanzate combina intelligenza artificiale e blockchain per supportare le aziende farmaceutiche e i produttori di apparecchiature medicali nello sviluppo dei propri prodotti. Il sistema sviluppato da Innoplexus identifica ed estrae i dati sanitari strutturati (e non), arrivando a scansionare fino al 95% del Web, e li fonde con dati aziendali e di terze parti in un processo continuo e in tempo reale. La società è quindi in grado di offrire un’immensa fonte di informazioni sanitarie personalizzando le ricerche sulle necessità del cliente consentendogli di velocizzare la fase di sviluppo e di ridurre i costi.

Research Fellow dell'Istituto per la Competitività (I-Com). Nato ad Avellino nel 1990. Ha conseguito una laurea triennale in “Economia e gestione delle aziende e dei servizi sanitari” presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore e successivamente una laurea magistrale in “International Management” presso la LUISS Guido Carli. Al termine del percorso accademico ha frequentato un master in “Export Management & International Business” presso la business school del Sole 24 Ore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.