Assistenza territoriale, cosa prevede la prima bozza della riforma

Articolo
Maria Vittoria Di Sangro
assistenza

Il gruppo di lavoro dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) ha redatto la prima bozza di riforma per una nuova assistenza territoriale in Italia che definisce standard e modelli da adottare per assicurare la capillarità del Servizio sanitario nazionale.

Tra le principali misure, il documento prevede che ogni 100.000 abitanti sia istituito un Distretto Socio-Sanitario, all’interno del quale dovranno essere presenti un minimo di quattro Case della Comunità (di cui una “hub” aperta 24/7), un servizio di Unità speciale di continuità assistenziale (Usca), due ospedali di Comunità, un Hospice e una Centrale operativa territoriale. Inoltre, verrà attivato il numero verde unico europeo “116117” tramite il quale sarà possibile gestire sia l’assistenza domiciliare che altri servizi integrati come la salute mentale, i servizi sociali e i consultori.

La bozza è stata presentata alla Cabina di regia per il Patto per la Salute, che prevede la definizione di nuovi standard per le cure territoriali. Ma è chiaro che al suo interno vengono inserite anche le novità introdotte dal Piano nazionale di ripresa e resilienza. Il confronto, è bene precisarlo, è ancora nella fase embrionale e sulla prima stesura del testo le regioni hanno mostrato più di una perplessità. Resta pure il fatto che il modello previsto rappresenta il primo tentativo di definire una cornice per i servizi territoriali entro cui le regioni, poi, saranno libere di organizzarsi secondo le specificità dei propri territori.

Il primo tassello della bozza preliminare, tanto necessaria quanto complessa, è il Distretto Socio-Sanitario, che avrà il compito di programmare, organizzare ed erogare direttamente i servizi. La programmazione del Distretto dovrà prevedere una Casa della Comunità “hub” e tre Case della Comunita “spoke” (tutte le aggregazioni dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta avranno sede fisica o comunque un collegamento funzionale di riferimento con le Case della Comunità), un infermiere di comunità ogni 2.000/2.500 abitanti, un’Unità Speciale di Continuità Assistenziale (formata da un medico e un infermiere) ogni 100.000 abitanti. E ancora, due Ospedali di Comunità (con venti letti ogni 50.000 abitanti), un Hospice con dieci posti all’interno della rete aziendale di cure palliative e una Centrale Operativa Territoriale (ogni 100.000 abitanti).

assistenza territoriale
Organizzazione di un Distretto tipo in un’area urbana di 100 mila abitanti

Nella bozza viene specificato che “in questa fase di innovazione e sviluppo del Servizio sanitario nazionale, inoltre, è dirimente garantire l’autonomia regionale nel vagliare la configurazione più opportuna in termini di tipologia e numerosità delle strutture e dei servizi di assistenza territoriale, sulla base delle caratteristiche geografiche e della popolazione di riferimento”.

Il fulcro dell’assistenza territoriale, tuttavia, sarà rappresentato dalla Casa della Comunità, per cui nel Piano nazionale di ripresa e resilienza sono stati stanziati 2 miliardi di euro. Secondo la definizione contenuta nella bozza, è “il luogo fisico di prossimità e di facile individuazione dove la comunità può accedere per poter entrare in contatto con il sistema di assistenza sanitaria e socio-sanitaria”. Inoltre, “la Casa della Comunità promuove un modello organizzativo di approccio integrato e multidisciplinare attraverso équipe territoriali. Costituisce la sede privilegiata per la progettazione e l’erogazione di interventi sanitari e di integrazione sociale”.

Le Case della Comunità (CdC) offriranno moltissimi servizi. Tra questi, la presenza medica (in caso di CdC hub sarà 24/7, in caso di CdC spoke sarà di12 ore per sei giorni su sette), il Punto Unico di Accesso (PUA) sanitario e sociale, il punto prelievi, i programmi di screening, i servizi per il monitoraggio delle cronicità e assistenza domiciliare di base e i servizi ambulatoriali specialistici per le patologie a elevata prevalenza (cardiologo, pneumologo, diabetologo, ecc.). Ma pure un sistema integrato di prenotazione collegato al CUP aziendale e servizi infermieristici, sia in termini di prevenzione collettiva e promozione della salute pubblica.

Un’altra figura professionale ultimamente molto discussa è proprio quella dell’infermiere di famiglia e comunità. Nella bozza è definito come “un professionista con un forte orientamento alla gestione proattiva della salute”. Questa figura “opera rispondendo ai bisogni di salute della popolazione di uno specifico ambito territoriale e comunitario di riferimento, favorendo l’integrazione sanitaria e sociale dei servizi”. Nella bozza è previsto un infermiere di famiglia e di comunità ogni 2.000-2.500 abitanti (per un totale di circa 30.000 figure professionali).

La sua funzione è orientata a una presenza continuativa e proattiva nella comunità territoriale di riferimento facilitando il percorso della presa in carico e della continuità dell’assistenza, favorendo l’integrazione e la collaborazione tra le figure professionali e i servizi socio-sanitari presenti sul territorio, in un vero e proprio lavoro di équipe territoriale.

Entrando maggiormente nel dettaglio del distretto, troviamo l’Hospice. Questa struttura di natura socio-sanitaria, secondo la bozza presentata, dovrà essere in grado di garantire la presa in carico globale dell’assistito e del suo nucleo familiare, integrandola con quella dell’ospedale e domiciliare. L’Hospice è una struttura rivolta a soggetti affetti da patologie croniche, neurodegenerative, oncologiche e in stadi avanzati, candidati a terapie di supporto. Come già citato in precedenza, lo standard è di un Hospice (fino a 10 posti letto) per 100.000 abitanti.

Finalmente la revisione dell’assistenza territoriale comincia a prendere forma, per quanto preliminare. Rimane incerto però il destino degli studi privati dei medici di famiglia e pediatri. Nella bozza viene ribadito da un lato che questi ultimi sono “referenti del caso in quanto titolari del rapporto di fiducia con il singolo cittadino in tutta la sua globalità e in tutte le fasi della vita” e dall’altro che “tutte le strutture fisiche territoriali oggi esistenti devono utilmente rientrare nella progettazione della nuova geografia dei servizi e strutture territoriali e quindi delle Case della Comunità e dei servizi correlati in rete.”

Il piano di sviluppo dei servizi territoriali di ogni singolo contesto regionale deve quindi tendere a una progettazione dei servizi in rete, con una precisa selezione delle infrastrutture fisiche esistenti da valorizzare, ristrutturare, riorientare con altre vocazioni e servizi o dismettere.