FOCUS SALUTE. L’attuazione della Missione 6 in vista della manovra

“FOCUS SALUTE. L’attuazione della Missione 6 in vista della Manovra”: questo il titolo del Policy brief redatto da I-Com a valle della tavola rotonda organizzata dall’Istituto lo scorso 26 ottobre.

La Missione 6 del PNRR, con un ampio spettro di riforme e investimenti, mira ad adattare il Servizio sanitario nazionale ai cambiamenti demografici in corso, rafforzando l’assistenza territoriale e sfruttando innovazione tecnologica per promuovere modello di sanità basato su servizi sempre più efficienti ed equi. Nonostante nel 2023 si sarebbero dovuti concretizzare alcuni dei progetti iniziali del PNRR, dopo la prima metà dell’anno si sono riscontrati ritardi non trascurabili rispetto agli obiettivi pianificati. Con l’avvicinarsi della Manovra, è cruciale riflettere sulle criticità incontrate, su come evitarne di nuove nel prossimo triennio, e sulla necessità di realizzare degli investimenti previsti nei termini prefissati con uno sguardo alla sostenibilità del sistema salute anche oltre il 2026.

  • L’investimento programmato dalla Missione Salute ammonta a €15,63 miliardi, ovvero l’8,16% del totale degli investimenti del PNRR. Alla fine dell’anno in corso la quota di fondi effettivamente impiegati dovrebbe essere pari a circa la metà dei finanziamenti complessivi della Missione 6, mentre le stime riportano un dato fermo al 38%. L’allontanamento dalla traiettoria di valori inizialmente previsti risulta essere iniziato proprio a cavallo del 2022 per poi proseguire anche nel corso del 2023, anno in cui si sono rese necessarie alcune revisioni al Piano.
  • Il Governo ha introdotto alcune modifiche al Piano, ritenendo che alcuni degli obiettivi prefissati fossero di difficile realizzazione a causa di una molteplicità di fattori, dal rialzo dei prezzi delle materie prime ed energetiche, legato anche alla crisi energetica e acuita dal conflitto russo-ucraino, ai ritardi nell’affidamento dei lavori contrattualizzati, dalle criticità nelle catene di approvvigionamento delle materie prime alle carenze nella fornitura di attrezzature e nella logistica.
  • I prossimi target della Missione 6 da raggiungere entro la fine del 2023 sono quattro e riguardano la stipula dei contratti per la realizzazione delle Case di Comunità, la stipula di almeno 400 obbligazioni giuridicamente vincolanti per la realizzazione degli Ospedali di Comunità, la creazione di almeno un progetto per Regione per la telemedicina per un migliore supporto ai pazienti cronici e, infine, l’assegnazione di finanziamenti a progetti di ricerca nel campo delle malattie rare e dei tumori rari.

Policy brief