Prevenzione e gestione del paziente oncologico. Il carcinoma mammario

Roundtable
I-Com
Paziente oncologico

Prevenzione e gestione del paziente oncologico. Il carcinoma mammario“. È questo il titolo della tavola rotonda organizzata giovedì 12 maggio dall’Istituto per la Competitività (I-Com) in collaborazione con Sanofi.

Il tumore della mammella è una neoplasia che ha origine dalla moltiplicazione incontrollata di alcune cellule della ghiandola mammaria, che si trasformano in maligne. Questi tumori possono essere definiti secondo diverse classificazioni. Quella morfologica (o istologica) è tra le più comuni e differenzia le forme invasive da quelle non invasive in base alle cellule che danno origine al tumore. Il tumore della mammella è una neoplasia che ha origine dalla moltiplicazione incontrollata di alcune cellule della ghiandola mammaria, che si trasformano in maligne. Questi tumori possono essere definiti secondo diverse classificazioni. Quella morfologica (o istologica) è tra le più comuni e differenzia le forme invasive da quelle non invasive in base alle cellule che danno origine al tumore. Se, contrariamente a quanto accade per le neoplasie in situ, le cellule tumorali si espandono al di fuori del punto di origine, si tratta di tumori infiltranti che vengono definiti “invasivi”.

Le stime dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) e dall’Associazione Italiana Registro Tumori (Airtum) contenute nel volume “I Numeri del Cancro in Italia 2021” parlano di circa 55.000 nuove diagnosi di tumore alla mammella nel 2020 in Italia. Si tratta della neoplasia più frequente nella popolazione femminile. È la più comune anche tra le giovani donne.

Basti pensare che per le donne fino ai 49 anni rappresenta il 41% delle diagnosi di tumore. In generale circa un tumore su tre diagnosticato nelle donne è un carcinoma mammario (32,7%). I casi di tumore della mammella che riguardano il sesso maschile sono lo 0,5-1% del totale delle malattie di questo tipo. Secondo i dati più recenti dell’AIRTUM, vengono diagnosticati ogni anno 1,7 cancri al seno ogni 100.000 uomini e 150 casi ogni 100.000 donne. Se nel corso della propria vita una donna su otto svilupperà questa malattia, solo a un uomo su seicento succederà la stessa cosa.