Missione Digitale. Il Pnrr alla prova della domanda di cittadini e imprese

Roundtable
I-Com
missione

“Missione Digitale. Il Pnrr alla prova della domanda di cittadini e imprese”. È questo il titolo della roundtable organizzata il 23 giugno 2022 dall’Istituto per la Competitività (I-Com).

L’incontro ha avuto l’obiettivo di fare il punto insieme a esperti, istituzioni e imprese sugli effetti, desiderati ed effettivi, dei molteplici interventi derivanti o connessi al Piano nazionale di ripresa e resilienza in termini di stimolo all’adozione e all’utilizzo di tecnologie digitali da parte di aziende, cittadini e amministrazioni pubbliche. Il tutto nell’ottica da un lato di sfruttare a pieno le ingenti risorse pubbliche messe in campo, che si vanno a sommare agli investimenti privati, e dall’altro di aumentare efficienza e competitività del sistema produttivo italiano.

L’edizione 2021 del Digital Economy and Society Index (DESI), nella nuova composizione articolata su capitale umano, connettività, integrazione della tecnologia digitale e servizi pubblici digitali, colloca l’Italia al 20esimo posto tra i 27 Paesi membri dell’Unione europea per livello di competitività digitale. Si tratta di un posizionamento che rivela un considerevole ritardo del nostro Paese e che è frutto, soprattutto, di un inadeguato livello di competenze ed un ancora troppo limitato utilizzo di servizi pubblici digitali. Nella logica di colmare tale ritardo ed accelerare la transizione digitale, il Pnrr ha previsto una serie molto articolata di riforme, azioni e misure tese, tra l’altro, a favorire l’acquisizione delle skills digitali e ad incentivare l’adozione delle tecnologie digitali e la fruizione dei relativi servizi da parte di cittadini, imprese e pubblica amministrazione.

Dopo l’introduzione del presidente I-Com Stefano da Empoli, della vicepresidente Silvia Compagnucci e del direttore dell’area Digitale I-Com Lorenzo Principali, sono seguite le relazioni iniziali di Maurizio Decina, professore emerito del Politecnico di Milano e Antonio Nicita, professore di Politica economica della LUMSA.

Marco Gay, presidente di Anitec-Assinform, ha poi introdotto il dibattito nel quale sono intervenuti: Elisa Gazzara (ING), Maila Montin (Vodafone Italia),
Francesco Nonno (Open Fiber), Michele Rillo (Iliad Italia), Marco Scialdone (Università Europea di Roma ed Euroconsumers), Alessandro Verrazzani (EOLO).

A seguire, la risposta delle istituzioni con Enza Bruno Bossio (Camera dei deputati), Maria Laura Mantovani (Senato della Repubblica), Federico Mollicone (Camera dei deputati), Andrea Quacivi (Sogei), Federica Zanella (Camera dei deputati).

L’evento è stato concluso da Antonello Giacomelli, commissario AGCOM.