“Prendo Parte” – la partecipazione in Umbria

Articolo blog
Gianluca SGUEO

Oggi le pratiche di partecipazione più interessanti in Italia le troviamo a livello locale. Non potrebbe essere diversamente: con un sindaco nel ruolo di Presidente del Consiglio, una lunga serie di tagli ai trasferimenti a favore delle amministrazioni comunali e – contemporaneamente – la necessità di realizzare le promesse fatte in campagna elettorale, la ricerca da parte degli amministratori locali di soluzioni per coinvolgere la popolazione è diventata frenetica, quasi confusionaria a volte.

L’ultima ricerca svolta dall’Istituto per la Competitività (la trovate QUI) dedicata ai rapporti tra imprese e territorio, presentata poche settimane fa a Roma, ha rivelato due aspetti interessanti. Da una parte, I-Com sottolinea le difficoltà dei sindaci nel condurre politiche attive sul territorio, a causa (anche) della diffusa opposizione alla realizzazione delle infrastruttura. Da un’altra parte, I-Com ha sottolineato l’inventiva di molti amministratori per aggirare gli ostacoli burocratici che si frappongono tra loro e la buona riuscita delle iniziative. Tra i tanti casi censiti dal rapporto dell’Istituto i più interessanti sono “Pisa partecipa” e “La darsena che vorrei” (Ravenna).

Un caso che il rapporto non censisce, ma che è perfettamente in linea con le iniziative di partecipazione sviluppate sul territorio, è “Prendo Parte”, piattaforma di partecipazione inaugurata dal Comune di Terni (la trovate QUI). Prendo Parte ha un pregio che altre iniziative di questo tipo non hanno. Vincola cioè l’amministrazione a dare una risposta alle proposte dei cittadini. L’amministrazione si pone un obiettivo ambizioso: 30 giorni di tempo per rispondere. Nel frattempo, promette anche di aggiornare in tempo reale i partecipanti sulle novità in discussione attraverso la pubblicazione dei post di chi commenta le proposte e l’aggiornamento sugli sviluppi del tema oggetto di dibattito. Non è un caso se una sezione della piattaforma si chiama “cosa succede in città” e si preoccupa di informare i cittadini sugli avvenimenti più importanti. Con una precisazione importante: gli aggiornamenti verranno curati dalle associazioni civiche operanti sul territorio, circostanze che dovrebbe garantire l’imparzialità delle informazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.