Blockchain, a che punto siamo in Italia (e nel mondo)?


Articolo
Domenico Salerno
blockchain

Grazie alle sue caratteristiche di sicurezza ed economicità, la blockchain si sta rapidamente diffondendo nella maggior parte dei settori aziendali (ne abbiamo parlato in numerosi articoli). E secondo lo studio dal titolo “Worldwide Blockchain Spending Guide” condotto da IDC, il mercato europeo è destinato a crescere esponenzialmente nei prossimi anni, fino a raggiungere i 4,9 miliardi di euro entro il 2023, circa sei volte in più di quanto previsto per il 2019 (800 milioni).

L’Osservatorio Blockchain & Distributed Ledger della School of Management del Politecnico di Milano in un suo recente studio ha censito 579 progetti, pubblici e privati, sulla blockchain nel triennio che va dal 2016 al 2018. Nonostante un loro incremento in tutti i settori, le imprese del settore finanziario continuano a essere quelle più interessate alle applicazioni di questa tecnologia. Nel periodo di riferimento, in questo settore sono stati attivati ben 280 progetti che, se nel 2016 rappresentavano l’80% delle sperimentazioni totali, lo scorso anno hanno pesato “solo” per il 55%. Gli altri comparti impegnati nello sviluppo di questa tecnologia sono le pubbliche amministrazioni (10%), gli operatori della logistica (8%), le aziende del settore agroalimentare (5%), gli operatori dei media (5%) e le utilities (4%).

Dal punto di vista della distribuzione geografica, il continente in cui stanno fiorendo la maggior parte dei progetti è l’Asia (32%), seguita dall’Europa (27%) e dall’America (22%). Mentre Oceania e Africa contano solo il 5% delle attività. Ma sono gli Stati Uniti il Paese che supera di gran lunga tutte le altre grandi economie mondiali con il 17% dei progetti. Seguono il Giappone, con oltre il 7%, la Cina, con il 7 e il Regno Unito e la Corea del Sud con il 4%. L’Italia non fa eccezione. Il nostro Paese si posiziona al terzo posto in Europa per numero di progetti, dopo il Regno Unito e la Germania.

Nonostante ciò il mercato nostrano della blockchain sembra essere ancora immaturo. Dalle interviste condotte dall’Osservatorio a sessantuno Chief innovation officer di grandi imprese italiane, è emerso che ben il 59% delle aziende ha avviato sperimentazioni o è sul punto di avviarne, ma la maggior parte di queste non ha un budget dedicato e il 36% non ha personale impiegato sul tema. Solo il 17% delle realtà considerate impega più personale per lo sviluppo della blockchain, ma spesso in maniera non strutturata. Inoltre, siamo ancora indietro sulla conoscenza delle tecnologie basate sui registri distribuiti: solo il 26% dei Cio dichiara di conoscerli in modo approfondito mentre il 46% afferma di avere un know how insufficiente e il 31% non sa ancora cosa sia.

Direttore Area Digitale dell'Istituto per la Competitività (I-Com). Nato ad Avellino nel 1990. Ha conseguito una laurea triennale in “Economia e gestione delle aziende e dei servizi sanitari” presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore e successivamente una laurea magistrale in “International Management” presso la LUISS Guido Carli. Al termine del percorso accademico ha frequentato un master in “Export Management & International Business” presso la business school del Sole 24 Ore.

Nessun Articolo da visualizzare

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.