Il mercato del gas tra incertezze e sfide

immagineÈ stato di recente presentato il Medium-Term Gas Market Report 2016, il rapporto con cui ogni anno la IEA – Agenzia Internazionale Energia – fornisce una dettagliata analisi del mercato del gas per il successivo quinquennio, individuando gli elementi principali che probabilmente ridisegneranno l’industria globale del gas nei prossimi anni.
Ciò che appare evidente è l’esistenza di un contesto in rapida evoluzione che pone sfide importanti sia all’industria che ai policy maker. La domanda è certamente aspetto trainante in questa evoluzione: dopo una fase di stasi – con tassi di crescita annui pari all’1%, contro il 2,2% medio annuo del decennio precedente – le stime al 2021 parlano di un aumento complessivo pari a 3.900 miliardi di metri cubi, corrispondente ad una crescita annua dell’1,5%.
Sono la più lenta domanda di energia primaria, da un lato, e la riduzione dell’intensità energetica, dall’altro, a provocare questa minor crescita nella domanda di combustibili fossili, gas incluso: neanche i prezzi bassi del petrolio (e delle fonti fossili in generale) sono riusciti ad invertire la tendenza. Questo venir meno della relazione prezzo-domanda mette in luce l’importante ruolo che altri fattori stanno evidentemente giocando, primi tra tutti la disponibilità di carbone a costi molto contenuti e i costi sempre decrescenti e l’indiscusso sostegno pubblico di cui beneficiano le fonti rinnovabili.
Questa crescita contenuta nella domanda di gas è trainata principalmente dal rallentamento nella domanda asiatica (in particolare, cinese), già cominciato nel 2014 ed intensificatosi nel 2015, quando il tasso di crescita è stato pari a solo il 4%, molto inferiore rispetto al tasso annuo medio del 15% registrato nel quinquennio precedente.
Ne deriva una produzione che anche stenta a decollare, con il gas utilizzato proporzionalmente sempre meno nella generazione elettrica. La timida crescita della domanda non basterà a bilanciare il mercato, almeno nel prossimo futuro: gli impianti continueranno quindi a lavorare al di sotto della propria capacità e, secondo la IEA, solo verso la fine del periodo considerato – dunque, l’inizio de prossimo decennio – i tassi di impiego si risolleveranno, anche se difficilmente raggiungeranno nuovamente i livelli che hanno caratterizzato il biennio 2011-2012.
La presenza di over supply non rassicura, tuttavia, rispetto ai problemi di sicurezza delle forniture, essendo solo il lascito di decisioni di investimento passate, fatte sulla base di tutt’altri prezzi e tutt’altre previsioni sulla domanda. Le previsioni sugli investimenti futuri, infatti, sono tutt’altro che rosee: se già nel 2015 gli investimenti hanno subito una battuta d’arresto, è dal 2016 che si cominceranno a vedere davvero gli effetti dei prezzi decrescenti. Siamo a metà anno, in effetti, e non risultano essere stati approvati nuovi progetti sinora. E finché la domanda non riprenderà a crescere ed i prezzi a salire – conferma la IEA – sarà difficile veder aumentare le scelte di investimento. D’altra parte, le previsioni dell’Agenzia parlano di prezzi che continueranno a subire forti pressioni: negli ultimi due anni, infatti, i prezzi del petrolio hanno determinato non solo un calo altrettanto consistente nei prezzi del gas ma anche una forte convergenza tra i benchmark regionali. E così, nei primi cinque mesi del 2016, il differenziale tra i prezzi spot del GNL asiatico e quelli statunitensi – una volta pari a circa 11 dollari per MBtu – è risultato pari a solo 2,5 dollari per MBtu.
Gli operatori del mercato intanto si chiedono se questa situazione sia qualcosa di temporaneo o se si tratti piuttosto dell’inizio di un cambiamento strutturale per l’industria del gas. E qualcosa lascia propendere per questa seconda ipotesi.

Research Fellow dell'Istituto per la Competitività (I-Com). Laureata all’Università Commerciale L. Bocconi in Economia, con una tesi sperimentale sull’innovazione e le determinanti della sopravvivenza delle imprese nel settore delle telecomunicazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.